Più del 90% dell’infertilità maschile è causato da anomalie negli spermatozoi, tra cui scarsa qualità, basso numero, morfologia anormale o una combinazione di quanto sopra. Altre cause che possono influire sulla fertilità di un uomo sono: problemi anatomici, difetti genetici, squilibri ormonali.

Secondo l’istituto statunitense National Institute of Child Health and Human Development (NICHD), un terzo dei casi di infertilità sono causati da problemi riproduttivi maschili, un terzo da problemi riproduttivi femminili e il restante un terzo da entrambi o da fattori sconosciuti.

L’azoospermia, cioè la completa assenza di spermatozoi si verifica in circa il 10-15% degli uomini infertili. Le principali cause che portano alla sterilità maschile sono problemi della funzione testicolare, seguiti da squilibri ormonali. In generale, le statistiche sull’infertilità maschile a livello mondiale mostrano che l’infertilità colpisce il 15% delle coppie, ossia circa 48,5 milioni di coppie. Nel complesso si stima che l’infertilità maschile sia responsabile del 20-30% dei casi di infertilità della coppia.

I tassi di infertilità maschile sono più alti in Africa, Europa centrale ed Europa orientale. Per quanto riguarda il Nord America, l’Australia e alcune parti dell’Europa centrale e orientale, il tasso varia fra il 5% e il 12%. Dei casi di infertilità negli Stati Uniti, in America Latina e nei paesi europei, quasi la metà è dovuta al sesso maschile

A Institute of Life – IASO offriamo sostegno psicologico con psicologi specializzati in questioni di infertilità.

©2021   Finead SA

Log in with your credentials

Forgot your details?


    (!) Si prega di NON inserire informazioni personali e dati sanitari in questo campo.

      (!) Si prega di NON inserire informazioni personali e dati sanitari in questo campo.