Crioconservazione degli ovociti

La crioconservazione degli ovociti non è una necessità, è una scelta.

Per ogni donna la maternità è una scelta consapevole e un diritto inalienabile; tuttavia, la fertilità ha limiti di tempo e la crioconservazione viene a dare la soluzione.

Cos’è esattamente la crioconservazione degli ovociti?

Si tratta di un servizio innovativo di Institute of Life che garantisce alle donne la possibilità di “congelare” il tempo, prevenendo un ulteriore carico di anni sugli ovociti e di scegliere quando diventare madre. Il numero e la qualità degli ovociti diminuisce dopo i 35 anni, il che riduce le possibilità di gravidanza. La crioconservazione degli ovociti ora offre una via d’uscita a questo problema.

È una procedura difficile o dolorosa?

Affatto. Le fasi della procedura sono abbastanza semplici e sono completate in 10-14 giorni. Durante questo periodo viene somministrato il farmaco appropriato per far maturare più ovociti. In alternativa, si può programmare il prelievo di un ovocita senza assunzione di farmaci, come parte del ciclo naturale, o il prelievo di ovociti a seguito di lieve stimolazione farmacologica. La maturazione è monitorata mediante ecografia ed esami del sangue, mentre il prelievo di ovociti richiede pochi minuti. Dopo un monitoraggio di alcune ore, la donna può tornare alle sue attività quotidiane.

Cosa succede quando una donna vuole avere un figlio?

Gli ovociti vengono crioconservati in laboratorio con il metodo della vitrificazione, e vi possono rimanere per molti anni senza che ne venga compromessa la qualità. Quando una donna vuole avere un figlio, gli ovociti vengono scongelati e preparati per essere fecondati in laboratorio insieme al liquido seminale dell’uomo.

È un metodo efficace?

Tutti gli studi condotti dopo l’introduzione della vitrificazione degli ovociti, ma anche l’esperienza di Institute of Life nell’applicazione del metodo, comprovano che la qualità degli ovociti crioconservati; la probabilità di fecondazione e le percentuali di gravidanza sono pari a quelle degli ovociti freschi.

È un metodo sicuro?

La Società Americana di Medicina della Riproduzione (ASRM) considera il metodo di vitrificazione dell’ovocita idoneo per l’applicazione quotidiana, mentre studi su bambini nati con questo metodo dimostrano che il metodo è completamente sicuro.

A che età le donne possono congelare i propri ovociti?

Sebbene non siano stati stabiliti limiti a livello internazionale, dal momento che sia ​​il numero sia la qualità degli ovociti diminuisce dopo i 35 anni, gli esperti ritengono che la crioconservazione degli ovociti è più efficace quanto prima eseguita.

Quanto tempo posso mantenere crioconservati i miei ovociti?

Secondo la legislazione ellenica, è consentito crioconservare gli ovociti per 5 anni. La durata della crioconservazione può essere estesa per cinque (5) anni ogni volta (a condizione che la donna non abbia compiuto i cinquant’anni di età) su richiesta scritta degli aventi diritto; il limite massimo di proroga non può superare i venti (20) anni complessivi.

È considerata una tecnica accettata dalla società?

Certamente. Come dimostrano i finanziamenti per la crioconservazione da parte di aziende come Apple e Facebook per i propri dipendenti, rimandare la gravidanza al futuro è una realtà sociale. La scienza risponde alle sfide, coprendo le esigenze delle giovani donne, e oggi dà loro la libertà di scegliere il momento giusto, in base alla propria situazione personale e sociale. Allo stesso tempo, è un passo avanti per le donne e la società. La crioconservazione degli ovociti non è una necessità, è una scelta. Una scelta supportata dal nostro team scientifico che dispone del know-how per realizzarla. Questa scelta è ora nelle sue mani.

Argomenti rilevanti

©2021  finad sa logo Finead SA

Log in with your credentials

Forgot your details?


    (!) Si prega di NON inserire informazioni personali e dati sanitari in questo campo.

      (!) Si prega di NON inserire informazioni personali e dati sanitari in questo campo.