Maternità surrogata

La madre surrogata è la donna che ha in gestazione il feto destinato a una coppia, in cui la partner non è in grado, da un punto di vista biologico, di portare avanti la gestazione

Il modo in cui si svolge è il seguente: la madre surrogata ha in gestazione un embrione che è il risultato della fecondazione in vitro degli ovociti e degli spermatozoi di una coppia o di un donatore anonimo. Il ruolo della madre surrogata è molto importante ma chiaramente procedurale: quello di avere in gestazione il feto senza essere biologicamente correlata ad esso.

È chiaro che la maternità surrogata è l’unico modo per le donne che non sono in grado di portare avanti una gestazione per motivi medici. Riguarda soprattutto le donne che hanno subito un’isterectomia, sono state sottoposte a radioterapia o chemioterapia, soffrono di malattie croniche (ad es. insufficienza renale, malattie cardiache ecc.), presentano un maggior rischio di aborto spontaneo o hanno avuto numerosi aborti spontanei, presentano assenza congenita dell’utero, anomalie congenite dell’utero o fibromi multipli. La menopausa, tuttavia, non è un’indicazione per l’impiego della maternità surrogata.

Maternità surrogata in Grecia - Requisiti legali

In Grecia perché una coppia possa avere un figlio da una madre surrogata, devono essere soddisfatte determinate condizioni da entrambe le parti.

Per la madre surrogata – gestante:

  • La madre surrogata deve avere un’età compresa fra i 25 e i 45 anni
  • deve essere perfettamente sana,
  • deve essere disposta a firmare la scrittura privata tra lei e i futuri genitori e a rispettarne pienamente i termini,
  • deve avere il consenso del marito, nel caso sia sposata, consenso che deve essere depositato per iscritto presso il tribunale che seguirà,
  • gli ovociti che verranno fecondati non devono appartenere alla madre surrogata, così da evitare in futuro ogni rivendicazione di maternità del neonato.

Per la donna che vuole diventare madre:

  • deve avere meno di 45 anni,
  • suo marito deve essere d’accordo sulla maternità surrogata.
  • deve avere comprovati problemi di salute che non le consentono di portare avanti una gestazione,
  • deve dare i propri ovociti come parte del trattamento FIV, e se ritenuto necessario per qualche altro motivo medico, può anche utilizzare ovociti di donatrice,
  • lei e il marito devono coprire tutte le spese della madre surrogata.

Inoltre:

la madre surrogata o la coppia di futuri genitori devono essere residenti permanenti in Grecia. Secondo la legge, l’accordo per la gestazione da parte di un’altra donna (ovvero la madre surrogata), è stipulato senza scopo di lucro e senza alcun corrispettivo.

I seguenti obblighi della coppia non costituiscono corrispettivo:

  1. Il pagamento delle spese per lo svolgimento degli esami medici necessari.
  2. Il pagamento delle spese notarili per la sottoscrizione della scrittura privata.
  3. La parcella degli avvocati che si occuperanno della procedura.
  4. Le imposte di bollo.
  5. La valutazione medica della madre surrogata e della coppia.
  6. La valutazione psicologica della madre surrogata.
  7. Il pagamento delle spese necessarie per raggiungere la gravidanza (farmaci e procedura di fecondazione in vitro), per la gestazione (monitoraggio della gravidanza e screening prenatale), per il parto, per le sue possibili complicanze, per la necessità di ricovero del neonato nel reparto di terapia intensiva neonatale e per il puerperio.
  8. Eventuali conseguenze per la gestante per assenza dal lavoro, nonché gli stipendi per lavoro dipendente, di cui è stata privata per assenza dal lavoro, al fine di raggiungere la gravidanza, la gestazione, il parto e il puerperio.
  9. La coppia sostiene oltre alle spese mediche della madre surrogata anche le spese aggiuntive, come quelle di vitto, alloggio e persino di viaggio, sempre sulla base dell’accordo precedentemente concluso. Pertanto, una coppia che sceglie la soluzione della maternità surrogata dove essere a conoscenza del fatto che dovrà stanziare una determinata somma, probabilmente elevata, per avere un figlio biologico.

Il quadro giuridico tra la madre surrogata, i genitori e il bambino, dopo la nascita:

nel caso di un bambino nato da madre surrogata, il relativo permesso del tribunale rilasciato alla donna che desidera avere il bambino viene presentato all’Ufficio di stato civile, in modo che l’ufficiale di stato civile possa registrarla come madre. Dal momento in cui nasce il bambino, la madre surrogata non ha più voce in capitolo.

La maternità surrogata a Institute of Life:

la nostra Clinica offre un’ampia gamma di servizi di consulenza sulla maternità surrogata; copre tutti i possibili aspetti, dagli effetti emotivi e psicologici agli esami a cui le madri surrogate devono sottoporsi; offre inoltre le opzioni appropriate per il metodo di fecondazione artificiale ideale secondo il caso, sempre in osservanza del quadro giuridico vigente.

Argomenti rilevanti

©2021   Finead SA

Log in with your credentials

Forgot your details?


    (!) Si prega di NON inserire informazioni personali e dati sanitari in questo campo.

      (!) Si prega di NON inserire informazioni personali e dati sanitari in questo campo.